Chicago PD – Recensione 4×21 ”Fagin”

SEGUITECI SU FACEBOOK.

Nuova puntata di Chicago PD, nuovo caso! L’entrata in scena di una nuova detective, i sensi di colpa di Erin, i Linstead ”riavvicinati”, la grandezza di Kevin e di Hank Voight. Riviviamo insieme il 21 episodio (questo vuol dire che mancano solo 2 puntate al finale di stagione).

I Linstead sono a fare colazione. Jay racconta a Erin come una coppia divorziata sia riuscita a tirare avanti per 42 anni vivendo in case separate ma questa per i due non sarebbe la ”situazione ideale”. Vengono interrotti da una chiamata per una rapina e corrono sul posto. I ladri scappano e il bilancio è di 1 morto e un ferito. Fa la sua entrata la detective Hailey Upton del dipartimento Rapine e Omicidi. Il primo incontro non è dei migliori e le facce di Jay, Erin e Hank dicono tutto.

 

La banda è formata da 4 uomini. Utilizzano disturbatori di frequenze per impedire la chiamata dei soccorsi e moto da cross per fuggire. La Upton non si arrende e ritorna all’attacco (rovesciando persino il caffè addosso alla Platt) per ottenere il caso arriva ma il comandante Lugo lo assegna a Voight. Al e Ruzek vanno dal fornitore di disturbatori di frequenze che gli fa il nome di T-Rod alias Taddius Rogers. L’uomo viene interrogato ma i soldi trovati in suo possesso non combaciano con quelli della banca.

Mentre Jay e Erin stanno controllando le telecamere di una della banche i criminali irrompono. I detective aprono il fuoco, Erin ne uccide (un ragazzo giovanissimo) e Jay cattra l’altro. Si scopre cosi che la banda è composta da ragazzini. Corey Jenkins, il ragazzo catturato, vuole un difensore d’ufficio e un avvocato minorile. Dai fascicoli salta fuori il nome di Lavar Spann, ex rapinatore.

https://i.ytimg.com/vi/capQRU4Jmu8/hqdefault.jpg

Mentre Jay e Erin sono all’obitorio arriva la madre per il riconoscimento del figlio Curtis. La donna si scaglia su Erin gridandole tutta la sua rabbia e il suo dolore. L’Intelligence va a trovare Spann all’autofficina e scheda tutti i ragazzi che lavorano per lui. L’uomo viene sorvegliato e i ragazzi passati al seteccio. La squadra si reca quindi a casa dei fratelli Bobby e Darren Wilkes che però sono stati uccisi, probabilmente da Sammy Ray.

http://tvafterdark.com/wp-content/uploads/2017/04/Chicago-P.D-4x21-01.jpg

Kevin si è preso a cuore Corey e gli dice che ha l’opportunità di fare la scelta giusta. Il ragazzo sceglie di rilasciare una deposizione ma Hank lo convince a non parlare preservando così la sua vita. Spann alla fine viene arrestato per incitamento alla criminalità minorile e Voight gli fa una promessa “Non è finita qui. Ci rivedremo!

http://tvafterdark.com/wp-content/uploads/2017/04/Chicago-P.D-4x21-04.jpg

La detective Upton dice a Voight che non ha mai conosciuto nessun poliziotto che si è opposto ad una confessione per proteggere la vita dell’imputato. Hank le dice che nell’intelligence c’è un posto vacante e se vuole può essere suo. La Upton confessa al sergente Platt che si erano conosciute in passato. Trudy rimane molto commossa dalle parole della donna.

Erin va al Molly per il compleanno di Jay e gli porta il suo regalo (una costosissima bottiglia di liquore) ma poi, al momento di brindare, se ne va. Lui la ferma e le chiede cosa non va. Erin è ancora molto scossa per aver ucciso un ragazzo, un ragazzo che aveva solo 14 anni. Jay le regala il suo abbraccio.

Voto: 8. Il caso presentato era terribilmente reale. Dei ragazzini cresciuti in un quartiere difficile, un uomo che si presenta come colui che può aiutarli ma invece è solo l’ennesima persona che li porterà sulla strada sbagliata.

Personaggio TOP:

  • Hank Voight: immenso come al solito. Troppe giovani vite sono già state strappate alle famiglie ed Hank non vuole che succeda anche a quel ragazzo. In quanto poliziotto  avrebbe dovuto fare il suo lavoro e ottenere una comfessione che inchiodasse una volta per tutte Spann ma ha preferito salvare la vita di Corey.
  • Kevin Atwater: si è guadagnato pian piano la fiducia di Corey, ha provato a proteggerlo e alla fine ha capito la scelta del ragazzo. Credo che Kevin si sia rivisto molto in quel giovane ragazzo, adolescente cresciuto in un quartiere difficile che ha preso la strada sbagliata perchè ha incontrato la persona sbagliata. Kevin promette che lui ci sarà.http://tvafterdark.com/wp-content/uploads/2017/04/Chicago-P.D-4x21-06.jpg

Personaggio DOWN:

Assolutamente nessuno, l’Intelligence è stata fantastica!! Se proprio devo scegliere qualcuno

  • il procuratore Jeffries: io non sopporto assolutamente quest’uomo, proprio NO

Funny Moment:

  • La faccia di Kevin mentre recupera i soldi dai costumi delle ballerine nello strip club “Beh, sempre meglio che rovistare nella spazzatura!”
  • Alvin che chiede al tecnico se può riparare il suo video registratore e Ruzek insiste per regalargli un Blue-Ray.

Considerazioni personali

Ho amato dal primo all’ultimo minuto i Linstead. La colazione iniziale in cui Jay cerca una soluzione e Erin non sa se accettare. Ok ora sono separati ma si vede dagli sguardi e dai sorrisi che si scambiano che si amano ancora. E poi la scena finale al Molly’s. Erin consegna il suo regalo a Jay e poi se ne va prima del brindisi (vi confesso che ho pensato ODDIO è INCINTA!!!). Ma lui la conosce, capisce che qualcosa non va e la rincorre e la abbraccia. Non importa se questa stagione non avrà un lieto fine per loro, aspetterò a patto di rivederli INSIEME, FELICI (e chissà magari in 3).

PS: vogliamo parlare della bravura e dell’espressività di Sophia Bush, lei è capace di emozionarmi e di creare empatia con semplici sguardi e gesti. FENOMENALE!!

https://i1.wp.com/tvafterdark.com/wp-content/uploads/2017/04/Chicago-P.D-4x21-14.jpg

Per altre news su Chicago PD continuate a seguirci su Seriespedia e iscrivetevi alla pagina fb L’Enciclopedia delle serie TV. Ricordatevi di passare dai nostri amici di Chicago Fire, Med, PD & Justice ItaliaChicago Fire&PD fanclub Italia, Dawsey & Linstead, Marina Squerciati Italia, Patrick John Flueger Italia, Jesse Lee Soffer ItaliaRespect for Sophia Bush, JayWillHalsteadcpdcmed . 

Facebook Comments

Mi chiamo Alice, ho 21 anni e studio mediazione linguistica. Sono “musica-dipendente” e “concerti-dipendente” ma ho scoperto di essere anche “serieTV-dipendente”. Conoscete per caso qualche cura?

About Alice Venturini 113 Articoli

Mi chiamo Alice, ho 21 anni e studio mediazione linguistica. Sono “musica-dipendente” e “concerti-dipendente” ma ho scoperto di essere anche “serieTV-dipendente”. Conoscete per caso qualche cura?